Alien Road DOO

I FATTI SUI TASSI DI CLIC ORGANICI SUI RISULTATI DELLA RICERCA GOOGLE


10
/ 100


I FATTI SUI TASSI DI CLIC ORGANICI SUI RISULTATI DELLA RICERCA GOOGLE

I fatti sulle percentuali di clic organiche nei risultati di ricerca di Google
Fatti scoperti sulle percentuali di clic organiche sulla base di 5 milioni di risultati di ricerca di Google esaminati
Una delle organizzazioni leader del settore ha analizzato 5 milioni di risultati di ricerca di Google per comprendere meglio le percentuali di clic organiche. (Vedi come fonte: https://backlinko.com/google-ctr-stats Questo articolo è stato tradotto in turco dal team di Alien Road dall’articolo collegato sul sito baclinko.com.)
Innanzitutto sono state analizzate le percentuali di clic per 874.929 pagine e 5.079.491 query di ricerca.
Successivamente, è stato studiato in che modo fattori quali la lunghezza dei tag, il sentiment e le meta descrizioni influiscono sulle percentuali di clic organiche.
I dati sulla percentuale di clic sono stati ottenuti da diversi account di Google Search Console, grazie ai dati forniti da ClickFlow.
Senza ulteriori indugi, esaminiamo insieme i risultati di questa ricerca.
Riepilogo dei risultati della ricerca
La percentuale di clic media dei link che si posizionano al primo posto nei risultati di ricerca organici di Google è del 37,1%.
Il collegamento classificato al primo posto nei risultati di ricerca organici viene cliccato 10 volte di più rispetto al collegamento classificato al decimo posto.
Le percentuali di clic organiche per i collegamenti da 7 a 10 sono quasi le stesse. Ecco perché salire di qualche posizione dal fondo della pagina non ti aiuta a ottenere più traffico organico.
In media, salire di una posizione nei risultati di ricerca aumenta la percentuale di clic del 30,8%. Tuttavia, il grado raggiunto da una riga all’altra influisce in modo significativo su questo rapporto. Il passaggio dal livello 3 al livello 2 di solito si traduce in un notevole aumento della percentuale di clic. Tuttavia, il passaggio dal 10° al 9° non comporta una differenza statisticamente significativa.
Le percentuali di clic per i collegamenti con domande nei titoli sono superiori del 14,1% rispetto ai collegamenti senza domande.
I titoli tra 15 e 40 caratteri hanno le percentuali di clic più elevate. Secondo i dati ottenuti, i titoli da 15 a 40 caratteri hanno una percentuale di clic maggiore dell’8,6% rispetto ai titoli che non rientrano in questo intervallo.
Gli URL contenenti la parola chiave hanno una percentuale di clic superiore del 45% rispetto a quelli senza la parola chiave.
L’utilizzo di parole utilizzabili nel titolo provoca una diminuzione della percentuale di clic. Secondo la ricerca, i titoli con invito all’azione hanno una percentuale di clic inferiore del 13,9% rispetto a quelli senza.
I titoli emozionanti possono aumentare la percentuale di clic. È stato riscontrato che i titoli contenenti emozioni positive o negative sono stati cliccati circa il 7% in più.
Scrivere meta descrizioni per le tue pagine aumenta la percentuale di clic. Le pagine con una meta descrizione hanno una percentuale di clic superiore del 5,8% rispetto alle pagine senza descrizione.
Di seguito è possibile trovare ulteriori informazioni sull’analisi.
Il primo risultato nei risultati di Google ottiene il 31,7% di tutti i clic
Il primo scopo della ricerca era determinare i criteri del tasso di clic.
Quando è stato esaminato il database di 5 milioni di risultati, si è riscontrato che il risultato classificato al primo posto aveva la percentuale di clic più alta.

I fatti sulle percentuali di clic organiche nei risultati di ricerca di Google
Allo stesso tempo, sembra esserci un forte calo nella percentuale di clic sulla seconda pagina dei risultati di ricerca.

C’è un forte calo nella seconda pagina dei risultati di ricerca
Infatti, solo lo 0,78% delle persone che effettuano ricerche su Google cliccano sui link presenti nella seconda pagina.
Le tendenze della percentuale di clic identificate nella ricerca sono coerenti con altri studi sulla percentuale di clic condotti da Advanced Web Ranking.

Ricerca sui risultati dei clic organici di Google
Poiché la percentuale di clic sulla seconda pagina è diminuita in modo significativo, questa pagina non è stata inclusa nello studio. Nello studio i dati della seconda pagina e delle pagine successive sono stati rimossi ed è stata effettuata una nuova analisi. Sono stati esclusi dallo studio anche i risultati con percentuali di clic anormalmente elevate (ad esempio: query contenenti marchi).
Quando è stata effettuata l’analisi dei risultati della prima pagina con il set di dati rimanente, è emerso che il collegamento classificato al primo posto su Google aveva una percentuale di clic del 31,7%.

Il collegamento che si posiziona al primo posto su Google ha una percentuale di clic del 31,7%.
Ecco la ripartizione della percentuale di clic dei risultati organici della prima pagina di Google:

Distribuzione della percentuale di clic dei risultati organici della prima pagina di Google
Come puoi vedere, il collegamento classificato al primo posto su Google ha una percentuale di clic 10 volte superiore rispetto al collegamento classificato al numero 10.
Questo risultato non sorprende per chi è interessato alla SEO o lavora in questo campo. È risaputo che posizionarsi al primo posto nei risultati di ricerca è estremamente importante rispetto ad altri posizionamenti.

Il motivo principale, come dimostrato da un recente studio di Moz, è che molti utenti di Google cliccano istintivamente sul primo risultato di Google. Questo nonostante il fatto che il risultato del 2° posto sia solo pochi pixel sotto.

Ciò spiega il grave calo della percentuale di clic.

Differenza nella percentuale di clic tra i siti classificati al 1° e al 2° posto su Google
Riepilogo: il risultato n. 1 su Google ottiene il 31,7% di tutti i clic.
C’è un aumento significativo dei clic organici

I FATTI SUI TASSI DI CLIC ORGANICI SUI RISULTATI DELLA RICERCA GOOGLE

I fatti sulle percentuali di clic organiche nei risultati di ricerca di Google
Fatti scoperti sulle percentuali di clic organiche sulla base di 5 milioni di risultati di ricerca di Google esaminati
Una delle organizzazioni leader del settore ha analizzato 5 milioni di risultati di ricerca di Google per comprendere meglio le percentuali di clic organiche. (Vedi come fonte: https://backlinko.com/google-ctr-stats Questo articolo è stato tradotto in turco dal team di Alien Road dall’articolo collegato sul sito baclinko.com.)
Innanzitutto sono state analizzate le percentuali di clic per 874.929 pagine e 5.079.491 query di ricerca.
Successivamente, è stato studiato in che modo fattori quali la lunghezza dei tag, il sentiment e le meta descrizioni influiscono sulle percentuali di clic organiche.
I dati sulla percentuale di clic sono stati ottenuti da diversi account di Google Search Console, grazie ai dati forniti da ClickFlow.
Senza ulteriori indugi, esaminiamo insieme i risultati di questa ricerca.
Riepilogo dei risultati della ricerca
La percentuale di clic media dei link che si posizionano al primo posto nei risultati di ricerca organici di Google è del 37,1%.
Il collegamento classificato al primo posto nei risultati di ricerca organici viene cliccato 10 volte di più rispetto al collegamento classificato al decimo posto.
Le percentuali di clic organiche per i collegamenti da 7 a 10 sono quasi le stesse. Ecco perché salire di qualche posizione dal fondo della pagina non ti aiuta a ottenere più traffico organico.
In media, salire di una posizione nei risultati di ricerca aumenta la percentuale di clic del 30,8%. Tuttavia, il grado raggiunto da una riga all’altra influisce in modo significativo su questo rapporto. Il passaggio dal livello 3 al livello 2 di solito si traduce in un notevole aumento della percentuale di clic. Tuttavia, il passaggio dal 10° al 9° non comporta una differenza statisticamente significativa.
Le percentuali di clic per i collegamenti con domande nei titoli sono superiori del 14,1% rispetto ai collegamenti senza domande.
I titoli tra 15 e 40 caratteri hanno le percentuali di clic più elevate. Secondo i dati ottenuti, i titoli da 15 a 40 caratteri hanno una percentuale di clic maggiore dell’8,6% rispetto ai titoli che non rientrano in questo intervallo.
Gli URL contenenti la parola chiave hanno una percentuale di clic superiore del 45% rispetto a quelli senza la parola chiave.
L’utilizzo di parole utilizzabili nel titolo provoca una diminuzione della percentuale di clic. Secondo la ricerca, i titoli con invito all’azione hanno una percentuale di clic inferiore del 13,9% rispetto a quelli senza.
I titoli emozionanti possono aumentare la percentuale di clic. È stato riscontrato che i titoli contenenti emozioni positive o negative sono stati cliccati circa il 7% in più.
Scrivere meta descrizioni per le tue pagine aumenta la percentuale di clic. Le pagine con una meta descrizione hanno una percentuale di clic superiore del 5,8% rispetto alle pagine senza descrizione.
Di seguito è possibile trovare ulteriori informazioni sull’analisi.
Il primo risultato nei risultati di Google ottiene il 31,7% di tutti i clic
Il primo scopo della ricerca era determinare i criteri del tasso di clic.
Quando è stato esaminato il database di 5 milioni di risultati, si è riscontrato che il risultato classificato al primo posto aveva la percentuale di clic più alta.

I fatti sulle percentuali di clic organiche nei risultati di ricerca di Google
Allo stesso tempo, sembra esserci un forte calo nella percentuale di clic sulla seconda pagina dei risultati di ricerca.

C’è un forte calo nella seconda pagina dei risultati di ricerca
Infatti, solo lo 0,78% delle persone che effettuano ricerche su Google cliccano sui link presenti nella seconda pagina.
Le tendenze della percentuale di clic identificate nella ricerca sono coerenti con altri studi sulla percentuale di clic condotti da Advanced Web Ranking.

Ricerca sui risultati dei clic organici di Google
Poiché la percentuale di clic sulla seconda pagina è diminuita in modo significativo, questa pagina non è stata inclusa nello studio. Nello studio i dati della seconda pagina e delle pagine successive sono stati rimossi ed è stata effettuata una nuova analisi. Sono stati esclusi dallo studio anche i risultati con percentuali di clic anormalmente elevate (ad esempio: query contenenti marchi).
Quando è stata effettuata l’analisi dei risultati della prima pagina con il set di dati rimanente, è emerso che il collegamento classificato al primo posto su Google aveva una percentuale di clic del 31,7%.

Il collegamento che si posiziona al primo posto su Google ha una percentuale di clic del 31,7%.
Ecco la ripartizione della percentuale di clic dei risultati organici della prima pagina di Google:

Distribuzione della percentuale di clic dei risultati organici della prima pagina di Google
Come puoi vedere, il collegamento classificato al primo posto su Google ha una percentuale di clic 10 volte superiore rispetto al collegamento classificato al numero 10.
Questo risultato non sorprende per chi è interessato alla SEO o lavora in questo campo. È risaputo che posizionarsi al primo posto nei risultati di ricerca è estremamente importante rispetto ad altri posizionamenti.

Il motivo principale, come dimostrato da un recente studio di Moz, è che molti utenti di Google cliccano istintivamente sul primo risultato di Google. Questo nonostante il fatto che il risultato del 2° posto sia solo pochi pixel sotto.

Ciò spiega il grave calo della percentuale di clic.

Differenza nella percentuale di clic tra i siti classificati al 1° e al 2° posto su Google
Riepilogo: il risultato n. 1 su Google ottiene il 31,7% di tutti i clic.
C’è un aumento significativo dei clic organici

d il titolo contenente la domanda utilizzata dimostra che può dare all’utente che effettua la ricerca la risposta che sta cercando.
Riepilogo: i titoli basati su domande hanno una percentuale di clic superiore del 14,1% rispetto ai titoli non basati su domande.
Titoli con la percentuale di clic più alta: titoli tra 15 e 40 caratteri
Qual è la lunghezza ottimale del titolo? Dovresti mantenere i titoli brevi e concisi? Oppure dovresti utilizzare titoli più lunghi che includano molte informazioni sui tuoi contenuti?
Secondo i dati ottenuti dallo studio, è necessario trovare una via di mezzo.
È stato riscontrato che i titoli tra 15 e 40 caratteri hanno le percentuali di clic più elevate.

È stato riscontrato che i titoli tra 15 e 40 caratteri hanno le percentuali di clic più elevate.
Sebbene i titoli lunghi siano vantaggiosi dal punto di vista SEO (titolo lungo = più parole chiave), in realtà possono essere uno svantaggio in quanto hanno una percentuale di clic organica inferiore.
Infatti, Etsy ha testato innumerevoli varianti di titoli in uno studio SEO su larga scala. Secondo i loro risultati, è stato annunciato che “i titoli più brevi forniscono prestazioni più elevate rispetto ai titoli più lunghi”.

Le intestazioni più corte forniscono prestazioni più elevate rispetto alle intestazioni più lunghe.
L’autore di questo studio ipotizza che titoli più brevi possano produrre risultati più positivi su Google a causa della somiglianza delle query. Tuttavia, secondo l’analisi effettuata in questa ricerca, la percentuale di clic è più alta nei titoli di breve e media durata.
Riepilogo: i titoli tra 15 e 40 caratteri hanno le percentuali di clic organiche più elevate. I titoli di questo intervallo hanno una percentuale di clic superiore dell’8,6% rispetto ad altri titoli.
Gli indirizzi di collegamento ricchi di parole chiave hanno una percentuale di clic significativamente più elevata
La ricerca ha anche esaminato se gli indirizzi di link ricchi di parole chiave hanno un effetto sulla percentuale di clic.
Prendi, ad esempio, qualcuno che cerca “viaggio di fine settimana”. Un indirizzo di collegamento come Seyahat.com/hafta-sonu-tripesi Seyahat.com/Seyahat-sayfa? Un collegamento come questo potrebbe avere una percentuale di clic più elevata?
Per questa analisi, sono state esaminate le query di ricerca, rispetto agli indirizzi dei link, ed è stato creato un indice di somiglianza compreso tra 0% e 100%.

Man mano che aumenta la somiglianza tra la parola di ricerca di Google e la parola corrispondente nell’URL, aumenta anche la percentuale di clic.
0% significa che le due parole non sono affatto simili e 100% significa che corrispondono esattamente. Nella ricerca sono stati ignorati tutti i tipi di segni di punteggiatura e simboli. Allo stesso tempo, ha preso il suffisso plurale “s”, e parole molto simili tra loro sono state accettate come la stessa parola. (come libro e libri). (In turco, possiamo trattarlo come “lar/s” e fornire le parole “libro/libri” come esempio.)
In linea con tutti questi valori, è stato stabilito che esiste una forte relazione tra indirizzi di link ricchi di parole chiave e tassi di clic organici.

Relazione tra il termine di ricerca e le parole nell’URL
Sebbene gli indirizzi di collegamento contenenti la parola chiave cercata abbiano la percentuale di clic più elevata, è stato riscontrato che la presenza parziale della parola chiave indicata nell’indirizzo del collegamento provoca un aumento significativo della percentuale di clic.
La guida all’ottimizzazione dei motori di ricerca di Google ricorda agli amministratori dei siti Web che gli indirizzi dei collegamenti delle loro pagine sono elencati nella SERP. Si consiglia inoltre di utilizzare parole chiave pertinenti negli indirizzi dei collegamenti.

Google consiglia di passare i termini di ricerca nell’URL.
Secondo uno studio pubblicato da Microsoft nel 2012, i “nomi di dominio fidati” hanno una percentuale di clic più elevata nei motori di ricerca rispetto ai nomi di dominio che le persone non conoscono.

Microsoft afferma che i domini con maggiore notorietà hanno percentuali di clic più elevate.
La teoria alla base di ciò è che gli utenti dei motori di ricerca controllano l’indirizzo del collegamento della pagina per determinare la migliore corrispondenza per la loro query.
Riepilogo: è stato determinato che esiste una differenza del 45% nei clic tra gli indirizzi di collegamento che corrispondono alla query esatta (l’intera query si trova nell’indirizzo del collegamento) e gli indirizzi di collegamento che non corrispondono (nessuna delle parole della query è trovato nell’indirizzo del collegamento).
Gli “inviti all’azione” influiscono negativamente sulla percentuale di clic
Gli “inviti all’azione” sono parole e frasi che rendono i titoli facili da individuare e, in teoria, hanno lo scopo di aiutarti a ottenere più clic.
Esempi di parole di invito all’azione:
Nascosto
Forte
Estremamente
Perfetto
Il migliore
Incredibile
Pazzo
Affermiamo
I dati della ricerca mostrano che gli inviti all’azione riducono la percentuale di clic del 13,9%.

Gli inviti all’azione riducono la percentuale di clic del 13,9%.

Le call to action risaltano su piattaforme affollate (come Facebook)

Sono molto efficaci nell’attrarre le persone, ma queste parole vengono percepite come clickbait nei risultati di ricerca di Google.
Ad esempio, guardando i primi 3 risultati per la parola chiave “come scrivere titoli”:

Esempio di scrittura di un titolo che provoca azione
Per parole chiave come queste, ti aspetti risultati accattivanti come “Come scrivere un titolo altamente avvincente”.
Tuttavia, i primi 3 risultati utilizzavano titoli estremamente semplici.

Esempio di utilizzo di titoli semplici nei titoli
Riepilogo: sebbene i CTA funzionino sui social media, possono influire sulla percentuale di clic. Infatti, i titoli con inviti all’azione hanno una percentuale di clic inferiore del 13,9% rispetto ai titoli senza inviti all’azione.
I titoli emozionali possono aumentare la percentuale di clic organica
I risultati mostrano che i titoli emotivi (titoli contenenti sentimenti positivi o negativi) hanno una percentuale di clic più elevata rispetto ai titoli emotivamente neutri.

I titoli emotivi hanno una percentuale di clic più elevata rispetto ai titoli emotivamente neutri.
Nello specifico, è stato riscontrato che i titoli emotivi hanno una percentuale di clic superiore del 7,3% rispetto ai titoli non emotivi.
È stato anche riscontrato che i titoli positivi e negativi sono ugualmente efficaci. Quando si esaminano altre variabili (come il ranking), si vede che i titoli contenenti emozioni positive hanno un tasso di clic più alto del 7,4% e i titoli contenenti emozioni negative hanno un tasso di clic più alto del 7,2%.
Per questa analisi è stata analizzata la “polarità del testo” di ciascuna parola nel titolo. A ogni titolo è stato assegnato un punteggio di sentiment basato sul sentimento positivo o negativo previsto del titolo.
Ad esempio, un titolo come questo è considerato neutro.

Un esempio di titolo neutro
Questo titolo è anche considerato un titolo con un sentimento positivo.

Un esempio di titolo con sentiment positivo
Vari studi di settore, inclusa la ricerca di BuzzSumo, hanno trovato un legame tra titoli emotivi e coinvolgimento.

Esiste una connessione tra titoli emotivi e coinvolgimento.
Tuttavia, non esiste alcuna ricerca di settore che esamini la connessione tra i tag del titolo emozionale e la percentuale di clic organica di Google.
Secondo i dati ottenuti nello studio, si vede che i titoli emozionali ricevono percentuali di clic più elevate nei risultati organici.
La cosa interessante è che mentre gli inviti all’azione riducono la percentuale di clic, i titoli emozionanti aumentano la percentuale di clic.
Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’emotività è una misura più espressiva di qualsiasi invito all’azione. In altre parole, un titolo carico di emozioni può essere scritto senza utilizzare parole utilizzabili. E i titoli che non sembrano clickbait ma sono emotivamente avvincenti faranno sicuramente risaltare il tuo link e otterranno più clic sulla SERP.
Riepilogo: i titoli con sentiment positivo o negativo hanno una percentuale di clic più elevata rispetto ai titoli neutri.
Le pagine con una meta descrizione hanno una percentuale di clic più elevata rispetto alle pagine senza descrizione
Anche se le descrizioni non influiscono direttamente sulla SEO, Google consiglia comunque di scrivere descrizioni univoche per ogni pagina del tuo sito.

Google consiglia comunque di scrivere una descrizione univoca per ogni pagina.
Infatti, dicono addirittura che le descrizioni ben scritte possono ottenere più clic nelle ricerche su Google.

Google dice chiaramente che i testi descrittivi ben scritti otterranno più clic.
Pertanto sono state esaminate le percentuali di clic delle pagine con e senza meta descrizione. È stato riscontrato che le pagine con una meta descrizione avevano una percentuale di clic superiore del 5,8% rispetto alle pagine senza descrizione.

Le pagine con una meta descrizione hanno una percentuale di clic superiore del 5,8% rispetto alle pagine senza descrizione.
Questa scoperta non sorprende chi ha esperienza con la SEO. Anche se Google non utilizza sempre le meta descrizioni che scrivi, la tua meta descrizione solitamente appare nella SERP.
Quando non è presente una meta descrizione, Google prende snippet di testo dalla tua pagina per riempire lo spazio vuoto.

Quando non è presente alcuna descrizione, Google prende sezioni di testo dalla tua pagina per riempire lo spazio vuoto.
E questi snippet che Google prende dalla tua pagina potrebbero non essere sempre più attraenti di una descrizione ben scritta.
Riepilogo: scrivere meta descrizioni uniche per ogni pagina può aumentare la percentuale di clic organica del tuo sito. È stato dimostrato che le pagine con una meta descrizione hanno una percentuale di clic superiore del 5,8% rispetto alle pagine senza descrizione.